Le garanzie di qualità di

BIO Cantina Orsogna, fondata nel 1964, rappresenta una cooperativa vinicola di eccellenza del centro Italia.
La posizione strategica tra la maestosa Maiella e il mare Adriatico conferisce all’azienda un microclima unico fondamentale per la produzione di vini autentici. Nel 1995, Bio Cantina Orsogna ha iniziato il processo di conversione al biologico. Oggi il 100% della superfice vitata è coltivata e certificata secondo questo metodo di produzione e, inoltre, nel 2019 l’azienda ha ricevuto il prestigioso riconoscimento di realtà biodinamica più grande al mondo per la produzione di uva certificata Demeter.
Dotata di diverse certificazioni, l’azienda si impegna attivamente nella promozione della biodiversità grazie a pratiche sostenibili e all’utilizzo di tecnologie avanzate, contribuisce in modo tangibile alla salvaguardia ambientale. Con una produzione annuale di 20.000 tonnellate di uva, il 70% è destinato all’esportazione in 30 paesi, mettendo in evidenza la crescita di BIO Cantina Orsogna nel contesto della tradizione, sostenibilità e impegno comunitario.

VINO DEMETER

I prodotti biodinamici sono identificati sul mercato dal logo Demeter e coprono tutta la gamma agricola alimentare sia fresca che trasformata.
Sono prodotti a tutti gli effetti dotati di certificazione biologica pubblica e dal marchio internazionale privato Demeter. Doppio controllo, doppia certificazione.
Il marchio Demeter garantisce che i prodotti alimentari contrassegnati o i loro ingredienti provengano da coltivazioni o allevamenti biodinamici.
Il marchio è presente in tutti i continenti: controlla e certifica l’intera gamma dei prodotti biodinamici provenienti da tutto il mondo.
Un processo di verifica completo garantisce la rigida conformità alle Norme Internazionali di Produzione e di Lavorazione Demeter, nonché alle norme organiche applicabili nei vari paesi, in ogni fase del processo: dalla produzione agricola alla lavorazione del prodotto.

Quasi la metà delle aziende agricole socie di BIO Cantina Orsogna conduce i propri vigneti secondo gli standard Demeter per la produzione di uva biodinamica e per la commercializzazione della stessa in vino Demeter.

VINO BIOLOGICO

Un prodotto biologico, sia che provenga da coltivazioni, allevamento o trasformazione, porta con sé la garanzia del controllo e della certificazione di organismi espressamente autorizzati per l’Italia dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.
Il regolamento CE n. 834/2007, che stabilisce le norme sulla produzione biologica valide per tutta l’Unione Europea, definisce l’agricoltura biologica:
“Un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e una produzione confacente alle preferenze di taluni consumatori per prodotti ottenuti con sostanze e procedimenti naturali.
Il metodo di produzione biologico esplica pertanto una duplice funzione sociale, provvedendo da un lato a un mercato specifico che risponde alla domanda di prodotti biologici dei consumatori e, dall’altro, fornendo beni pubblici che contribuiscono alla tutela dell’ambiente, al benessere degli animali e allo sviluppo rurale”.

Il 100% delle aziende agricole che conferiscono uva in BIO Cantina Orsogna conducono i propri vigneti secondo gli standard del CCPB.

VINO BIODIVERSITY FRIEND

La biodiversità esprime la quantità di specie animali e vegetali viventi in un dato territorio e rappresenta la risorsa più importante dei sistemi naturali del nostro pianeta. La distruzione delle foreste e degli habitat del pianeta determina l’estinzione di migliaia di specie ogni anno, facendo diventare la perdita di biodiversità una delle maggiori emergenze ambientali del nostro tempo. Modelli di produzione e consumo insostenibili, mancanza di educazione e consapevolezza del problema a tutti i livelli hanno portato una progressiva perdita di biodiversità alla quale sono strettamente legate altre emergenze ambientali, come i cambiamenti climatici e la disponibilità di risorse, sulle quali nei prossimi decenni si decideranno le sorti dell’intera comunità umana. Riconoscendo queste priorità, le Nazioni Unite hanno dichiarato il 2010 “Anno Internazionale della Biodiversità”.
Per passare dalle parole ai fatti, nella primavera del 2010, World Biodiversity Association ha proposto la certificazione “Biodiversity Friend”, per stimolare il mondo economico ad una presa di coscienza verso una produzione più attenta alla conservazione delle risorse biologiche, in una prospettiva, non dilazionabile, di sostenibilità dello sviluppo.
Un prodotto “Biodiversity Friend” è identificato come un prodotto sano, frutto di un processo produttivo che ha come principio di base la sostenibilità.

Certificazione Equalitas

EQUALITAS nasce promuovendo la sostenibilità delle filiere agroalimentari e del vino in primis. Adotta una visione ed un approccio che uniscono le istanze delle imprese, della società e del mercato.
L’obiettivo primario è la condivisione di un approccio alla sostenibilità unico a livello italiano del settore vitivinicolo basato su tre pilastri: sociale, economico ed ambientale. Inoltre promuove un marchio collettivo che possa diventare simbolo di garanzia per i consumatori.
Per poter garantire ai propri clienti e a tutti i portatori di interessi un miglioramento continuo riguardo l’aspetto della sostenibilità, l’azienda ha deciso di ottenere la certificazione Equalitas implementando un Sistema interno di Gestione della Sostenibilità per poter raggiungere gli obiettivi prefissati.

Certificazione Naturland

In tutto il mondo, i produttori certificati Naturland praticano l’agricoltura biologica, ma l’ottenimento della certificazione presuppone l’andare ben oltre lo standard minimo legale per l’agricoltura biologica.
Lo standard Naturland si incentra sulla protezione della natura e del clima. Si basa sui principi della gestione sostenibile della biodiversità, del suolo (sotto forma di mantenimento e conservazione), dell’aria, dell’acqua e, non da ultimo, dei consumatori.
Essere certificati Naturland garantisce ai consumers che la produzione vitivinicola soddisfa i severi requisiti sociali ed ecologici richiesti negli standard Naturland.

Certificazione Bio Suisse

 La certificazione Bio Suisse corrisponde alla certificazione svizzera del Biologico. Rispetto alla conformità al regolamento europeo del biologico (che segue le indicazioni descritte nel regolamento 848/2018), i parametri per avere la conformità allo standard Bio Suiss sono più stringenti riguardo le tecniche di produzione (agricoltura e allevamento) e di trasformazione degli alimenti.
Alcuni soci di BIO Cantina Orsogna hanno deciso di rispettare i parametri fissati nello Standard Bio Suisse e di produrre, insieme all’Azienda, prodotti che possono garantire ai consumatori svizzeri di avere sulle proprie tavole alimenti certificati che siano sostenibili, dal punto di vista economico, sociale ed ecologico.

Certificazione Cervim

CERVIM è l’acronimo di Ricerca, Studi, Salvaguardia, Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana. Organismo creato nel 1987, si pone come obiettivo quello di promuovere e salvaguardare la “viticultura eroica”, ovvero quel tipo di viticultura fatta in condizioni sfavorevoli, ad esempio per l’altezza in cui sono situati i terreni, oppure per l’impossibilità di utilizzare macchinari agricoli.
Anche in questo caso, BIO Cantina Orsogna ha deciso di valorizzare con questa certificazione i contadini che dedicano lavoro e passione per mantenere produttive quelle zone che apparentemente non lo sono.

Certificazione Bio China

 La certificazione Bio China, o meglio la China Organic Certification, rappresenta il corrispettivo regolamento europeo per la certificazione dei prodotti biologici, in Cina. Per poter esportare prodotti Biologici in Cina, bisogna essere certificati da enti preposti cinesi e rispettare il loro standard, il quale in parte è simile al regolamento europeo.
Nell’interesse dei propri soci e per espandere il proprio mercato, BIO Cantina Orsogna ha deciso di ottemperare ai parametri richiesti nel disciplinare biologico cinese per ottenere la Certificazione di “Organic Product” in modo da poter esportare i propri prodotti in Cina.